MOBILITA’ DENTALE: POSSIBILI CAUSE

La mobilità dentale è un fenomeno molto diffuso, sebbene i nostri denti dovrebbero essere quasi completamente immobili. Sono fisiologici micro-spostamenti impercettibili, che servono ad “attutire” i carichi masticatori, ma quando l’oscillazione diventa percepibile è questo un campanello d’allarme da non sottovalutare.

Il parodonto è ciò che garantisce la stabilità del dente poiché consente di mantenere il dente attaccato al tessuto osseo.

Un movimento del dente è pertanto indice di qualcosa che non va nelle strutture di sostegno del dente.

POSSIBILI CAUSE DELLA MOBILITA’ DENTALE

Parodontite

E’ la causa più frequente di mobilità e conseguente perdita di denti. La malattia parodontale, o piorrea è un’infiammazione di origine batterica che causa la distruzione dell’apparato di sostegno del dente. Fumo, diabete, cattiva igiene orale e predisposizione sono fattori che possono determinare l’insorgere della parodontite. Le gengive e l’osso alveolare infatti si “ritirano” e di conseguenza i denti hanno minore sostegno e tendono ad una maggiore mobilità.

Ascesso Dentale o Gengivale

L’ascesso è la manifestazione di un’infezione spesso generata dalla carie profonda. L’ascesso è facilmente riconoscibile perché produce sintomi, quali gonfiore, dolore e anche movimento dei denti.

Malocclusioni dentali

Il disallineamento dentale dell’arcata superiore e quella inferiore non è solo un problema estetico.

Oltre ad altre conseguenze, questa condizione può talvolta portare a mobilità dentale poichè induce uno sforzo eccessivo sui denti che può generare danni al  parodonto e minare la stabilità dei nostri denti.

Bruxismo

Il bruxismo è una patologia che consiste nel continuo sfregamento dei denti, specialmente durante le ore notturne, comportando una perdita di smalto dentale e un indebolimento dei denti, fino a causarne la mobilità.

Traumi

Un incidente oppure una brutta caduta possono danneggiare il dente o le sue strutture di sostegno.

LA SCALA DI MILLER

Prima di pensare alla terapia, è importante formulare una corretta diagnosi, in base allo stato della bocca e della qualità dell’igiene orale, ma sicuramente un movimento evidente dei denti significa che è in atto una patologia.

Per valutarne la gravità l’odontoiatra fa riferimento alla Scala di Miller, la cui divisione per livelli indicail grado di mobilità dentale.

Grado 0: oscillazione 0,2 mm significa che i denti sono sani e si muovono in modo fisiologico.

Grado 1: oscillazione di 0,2-1 mm indica che la mobilità dentale è leggera avanti e indietro.

Grado 2: oscillazione 1-2 mm significa che il movimento dei denti è innaturale, in avanti e indietro.

Grado 3: oscillazione oltre i 3-4 mm,  non solo avanti e indietro, ma anche lateralmente e dal basso verso l’alto. Significa che indica che il parodonto si sta logorando. E non c’è tempo da perdere.

MOBILITA’ DENTALE: CURE

E’ importante sottoporsi a visite dentali periodiche, poiché solo un medico dentista, a seguito di una vista accurata, potrà formulare una diagnosi e stabilire la causa della mobilità dentale definendo poi un adeguato piano di cure.

Condividi
20 Aprile 2021

Il nostro metodo per la tua prima visita

orologio

1 ORA

Vogliamo dedicarti tutto il tempo necessario e metterti a disposizione le migliori tecnologie per individuare eventuali problematiche fin dal principio. Crediamo nella diagnosi precoce e nei trattamenti mini-invasivi.

freccia

Le tue esigenze al centro

Vogliamo conoscerti bene. Raccontaci i tuoi desideri, le tue aspettative e le tue esperienze precedenti. Se qualcosa è andato storto, spiegaci il perché. Noi faremo meglio, trasformando le cure dentali in un percorso nel quale le tue esigenze siano al primo posto.

like

Tempi e costi certi

Sappiamo bene quanto sia sgradevole l’imprevisto che fa aumentare i costi preventivati e i tempi di trattamento stimati. E’ per questo che nei nostri ambulatori non avrai sorprese. Tempi e costi concordati ad inizio cure, non subiranno variazioni.